Quote of the day

more Quotes

FT.com - Management

Today's Almanac

Daily Joke
Joke of the Day

powered by Answers.com

Newsstand's Digest - Pick your favourite magazine/newspaper

        The Economist         Financial Times         The Washington Post         Time Magazine         Newsweek         Wired         National Geographic         The McKinsey Quarterly         The New York Times         Forbes         Fortune         Businessweek         BBC News         International Herald Tribune         Los Angeles Time

McKinsey Quarterly

Sunday, February 13, 2011

Diritti, prima ancora di "dignita" ed "indignazione"!

Per favore, basta ! Sono nauseato da questo uso continuo ed eccessivo della parola "dignità".
Voi credete che una cricca di delinquenti privi si scrupoli e tutti i loro accoliti, accusati dei più turpi delitti, si possa mai indignare per Voi o farvi qualsiasi tipo di gentile concessione ? Siete così sicuri che abbiano una coscienza ?
Parliamo piuttosto di "diritti" che ci spettano e di cui questa manica di farabutti ci sta privando del tutto.
Ma parliamo come mangiamo, per favore ! Anche la locuzione "sono indignato/a", così diffusa ultimamente, mi è venuta alquanto a nausea.
Diciamo piuttosto : " SONO INCAZZATO/A " ; di più, diciamo pure : "SONO INCAZZATO/A NERO/A" ; con gente affatto poco gentile è sicuramente più efficace e magari potrebbero recepire il concetto un pochino meglio. (Del resto loro sono i primi ad usare termini turpi e volgari; temete che si scandalizzino?) Come si può credere che , rivolgendosi ad una masnada di delinquenti, privi di scrupoli ed irrispettosi, spesso volgare e scurrile, questa possa quantomeno impietosirsi o sensibilizzarsi di fronte all'uso della parola "dignità" o della frase "sono indignato/a" ?
Rispetto al mordente delle lotte degli anni sessanta e settanta che hanno condotto alla conquista per donne e lavoratori di importanti diritti (quegli stessi diritti che da alcuni anni hanno cominciato a smantellare) devo notare come le forme di rivendicazione e di protesta sembrano essersi molto "ridimensionate" ed "addolcite" e questi aspetti credo possano ben essere simboleggiati dall’uso così frequente delle parole "dignità" e "sono indignato" ; sarà forse questo gentile rammollimento l’ effetto dovuto agli anni di benessere che tuttavia oramai gli italiani stanno da un po’ di tempo a questa parte gradualmente perdendo ?
Prima ancora di dignità, quindi, sarebbe bene parlare di diritti, quegli stessi diritti oramai erosi e minati sempre più, se non proprio espunti del tutto  da parte delle stesse Istituzioni, dalle stesse organizzazioni sindacali, da molte aziende (si pensi solo al recente caso FIAT) ; questi soggetti operano oramai per lo più travalicando lo stesso Diritto ; non si è più ad armi pari.
Non posso dimenticare come diversi anni fa, una Dottoressa commercialista consulente presso la Provincia di Milano, che avrebbe dovuto contribuire a supportarmi e sostenermi nella ricerca di un lavoro, mi disse esattamente questa frase che mi ha colpito profondamente : "tu stai zitto, tu non hai alcun diritto" e questo proprio in una questione fondamentale quale quella della ricerca di un lavoro; questa frase, ci tengo a ben sottolineare, del tutto gratuita, a fronte di nessuna particolare richiesta od insistenza da parte mia. Io naturalmente ho ignorato completamente la frase rivoltami, che pure mi ha profondamente impressionato (alla faccia della "dignità", dell'indignazione" e dei diritti !!!)
Peraltro ricordiamo che la Provincia di Milano (che le attuali forze di governo di centrodestra hanno sostenuto di voler abolire in quanto inutile , inefficiente e fonte di sprechi) è stata al centro del recente grave scandalo ( cui a mio parere si è data poca attenzione e si è fatto passare in secondo piano rispetto ai più "roboanti" scandali della consigliera regionale Minetti & Company) dell’assessore della Provincia di Milano Silvia Garnero ( nipote di Daniela Santanchè ) che si è distinta per il suo primato di assenteismo record , a fronte della percezione di esorbitanti stipendi pubblici a carico dei cittadini contribuenti.
Ieri Paolo Rossi, ospite della trasmissione televisiva "Che tempo che fa", a proposito della graduale chiusura dei teatri ascrivibile a decisioni politiche, ha ricordato come se qualcuno ha detto che con la cultura non si mangia , è vero che CON LA CULTURA SI CONOSCONO I PROPRI DIRITTI, e conoscendo i propri diritti difficilmente si rimarrà senza un tozzo di pane. Ora, in relazione a chi ha pronunciato quella frase ( se non sbaglio si tratta del Ministro Tremonti) , delle due l'una : o il soggetto è dotato anch'esso di scarsa o punta cultura ( o ancora peggio, è in malafede, cosa che non mi meraviglia affatto), ovvero considera i cittadini italiani un popolo di zoticoni ignoranti dediti soltanto a gretti lavori e sfrenati, selvaggi bunga bunga ( panem et circenses ? ...poco panem e poco circenses ! ) Io aggiungo inoltre che con la dignità non si mangia , con i diritti è molto più probabile.
Trovo davvero un controsenso, in un'epoca in cui è scaduta ed è in decadenza e decadimento la dignità delle Istituzioni,  civili ed anche ecclesiastiche, delle classi dirigenti del Paese, molti cittadini si trovino a rivendicare la propria dignità, prima ancora che i propri fondamentali diritti. Dall'altro lato assistiamo alle nostre Istituzioni che, anzichè badare a tutelare, attuare ed ampliare i diritti primari e fondamentali dei cittadini, si trovano a discutere inutili, dannose (eversive e aventi finalità dilatorie e diversive) modifiche finanche alla nostra Carta fondamentale.
Da notare che queste parole "dignità", "indignato" "sdegnato", "indegno" e simili vengono pronunciate anche dagli stessi rappresentanti cui il popolo le indirizza in modo così massiccio; la discussione è stata così abilmente spostata dal piano dell'oggettivo riconoscimento dei "diritti" e del "diritto" al piano molto più personale e discrezionale (e suscettibile di fonti di discriminazioni) della persona e quindi solo di possibili "concessioni" e di "favori" a quest’ultima.
Ricordiamoci che non siamo alla corte di Re Sole in cui siamo al mondo per grazia del "sultano" e non temete: prima se ne andrà quest'ultimo meno probabile sarà il diluvio che ci minaccia e più gradito il ritorno dello splendere del sole.


Share/Save/Bookmark

No comments:

Claude Monet - Some great impressionism works

Listen to online radio stations

loading...

BBC Radio

FriendFeed

Follow MaxMauriello on Twitter

CONTACT ME - LEAVE YOUR FEEDBACK

CONTACT ME

First Name
Last Name
Your email-address
Organization
City
Kind of message
Your message
Image Verification
Please enter the text from the image
[ Refresh Image ] [ What's This? ]

Google